giovedì 10 maggio 2012

La stagione che verrà: la danza


Concludo le mie personalissime e azzardate congetture su ciò che potrà accadere durante la prossima stagione agonistica con la categoria più atipica, la danza.
Come tutti gli appassionati hanno infatti imparato a capire nel corso degli anni, la Ice Dance segue una sceneggiatura a sè stante, legata sì al merito tecnico e all'impressione artistica, ma sostanzialmente dipendente da una "tacita" graduatoria che le coppie via via scalano: fortunatamente, con l'avvento del nuovo ISU judging system, alcune sorprese si sono verificate e gli equilibri hanno lentamente iniziato ad essere sovvertiti.
Ciò non toglie che per la danza si potrebbe addirittura tentare la strada del pronostico posizione per posizione, o perlomeno per piccoli gruppi di piazzamenti.
Senza ulteriore indugio, quindi, proviamoci, prendendo a riferimento la classifica degli ultimi Mondiali (senior e junior).

Tessa Virtue / Scott Moir (CAN)
Campioni olimpici e mondiali in carica, rinnoveranno l'eterna lotta con Davis/White. Personalmente li preferisco (e di molto) agli americani. Nel 2013, a meno di cataclismi, saranno primi o secondi. 
Meryl Davis / Charlie White (USA)
Campioni mondiali 2011, vicecampioni olimpici in carica, idem come sopra. Il prossimo anno secondi o primi. 
Nathalie Pechalat / Fabian Bourzat (FRA)
Una coppia gradevole ed espressiva, che dovrà guardarsi dalla fortissima ascesa di Weaver/Poje. La prossima stagione terzi o quarti (primi in Europa). 
Kaitlyn Weaver / Andrew Poje (CAN)
Agli ultimi Mondiali mi sono piaciuti tantissimo. Tenendo presente che i Mondiali 2013 saranno in Canada, potrebbero anche finire sul podio. 2013: quarti o terzi.
Elena Ilinykh / Nikita Katsalapov (RUS)
Contro pronostico si sono trovati ad essere la miglior coppia russa di danza della stagione appena conclusasi. Il prossimo anno dovranno guardarsi da Anna e Luca, che al WTT di Tokyo li hanno nettamente sopravanzati, e dalle voglie di (ri)salita di tutte le altre coppie di casa. Il prossimo anno su scala mondiale li vedo sesti, settimi o, più difficilmente, quinti. In campo continentale lotteranno per il podio: terzi, quarti o secondi. 
Anna Cappellini / Luca Lanotte (ITA)
Ci siamo. La maturazione della nostra bellissima coppia si può definire completa: il podio europeo è ora alla portata. Dopo Barbara e Maurizio, e Federica e Massimo, il prossimo anno potrebbe infatti arrivare la medaglia continentale per Anna e Luca. Incrociamo le dita. Secondi, terzi o quarti in Europa; quinti, sesti o settimi al mondo. 
Ekaterina Bobrova / Dmitri Solovёv (RUS)
Dal primo posto della Short Dance agli Europei alla settima posizione finale ai Mondiali: dalle stelle alle stalle in due mesi. E soprattutto l'onta di non essere più la prima coppia russa. Ekaterina e Dmitri (che a me non hanno mai fatto impazzire) dovranno necessariamente correre ai ripari, e in fretta, per recuperare terreno in vista delle prossime Olimpiadi. Il prossimo anno potrei vederli quarti, secondi o terzi agli Europei, mentre ai Mondiali dovrebbero arrivare settimi, quinti o sesti. 
Maia Shibutani / Alex Shibutani (USA)
Dopo l'incomprensibile exploit del 2011 (bronzo mondiale), quest'anno sono tornati dove a mio avviso dovrebbero stare: in ottava posizione. Personalmente mi comunicano pochissimo. Il prossimo anno dall'ottava posizione in giù.
Ekaterina Riazanova / Ilia Tkachenko (RUS)
Ekaterina e Ilia sono già negli Stati Uniti per allenarsi con i vati Shpilband e Zueva, assieme a Virtue/Moir e Davis/White: aspirerebbero a diventare la prima coppia russa. Potrebbero farcela, ma sarà durissima. Il prossimo anno dall'ottava posizione in giù worldwide, quinti in Europa. Attenzione però a quanto accadrà in casa Russia: Sochi2014 potrebbe portare a imprevisti sconvolgimenti interni. 
Madison Hubbell / Zachary Donohue (USA)
Se si confermeranno quale terza coppia USA, dovrebbero piazzarsi attorno alla decima posizione. 
Nelli Zhinganshina / Alexander Gazsi (GER)
Quest'anno hanno deluso, vorranno rifarsi. Idem come sopra: attorno alla decima piazza (dalla settima in giù in Europa). 
Penny Coomes / Nicholas Buckland (GBR)
Bravissimi agli Europei (sesti), deludenti ai Mondiali (14mi). La prossima stagione li vedo confermare la sesta piazza agli Europei; ai Mondiali invece potrebbero arrivare intorno alla decima posizione. 
Viktoria Sinitsina / Ruslan Zhiganshin (RUS)
Oro ai Mondiali junior, secondo gli esperti sono già bravissimi. Lotteranno per entrare a far parte delle tre coppie russe degli Europei e/o dei Mondiali. 
Alexandra Stepanova / Ivan Bukin (RUS)
Idem come sopra, con la differenza che Stepanova e Bukin hanno vinto l'argento. Il cognome di Ivan, poi, fa paura: è infatti figlio del mitico Andrei Bukin (due medaglie olimpiche, quattro titoli mondiali in coppia con Natalia Bestemianova). 
Alexandra Aldridge / Daniel Eaton (USA)
Bronzo ai Mondiali junior, potrebbero soffiare il terzo posto ai nazionali a Hubbell/Donohue e partecipare quindi ai prossimi Mondiali. 
Anna Yanovskaya / Sergei Mozgov (RUS)
Sesta coppia russa nominata, non ha grosse ambizioni ma vale la pena citarla per il prossimo futuro.

Fermo restando che avrò sicuramente dimenticato qualcuno, un enorme in bocca al lupo ad Anna e Luca!!!

15 commenti:

  1. Non sono un'amante dei pronostici, o meglio non mi piace farli, ma credo hai delineato un'ottima panoramica delle quattro categorie.

    Per la danza ammetto che io sono invece una fan di Davis/White, piuttosto che di Virtue/Moir, senza con questo nulla togliere ai grandissimi campioni che sono. E' solo una questione di gusti.
    Insieme ai francesi Péchalat/Bourzat (che adoro) monopolizzeranno sicuramente il podio anche l'anno prossimo, a meno di sorprese da parte dei canadesi Weaver/Poje, che sono piaciuti moltissimo anche a me.
    E speriamo proprio che questa medaglia arrivi per Anna e Luca! Se la meritano proprio.

    Per quanto riguarda le coppie, Aliona e Robin e Tatiana e Maxim sono decisamente le mie coppie preferite e destinati a occupare i gradini più alti del podio, europeo e mondiale.
    La coppia Kavaguti/Smirnov ha evidentemente dei problemi, ma che siano dovuti all'intesa o ai postumi dell'operazione di Sasha non saprei.
    La coppia Denney/Coughlin mi ha fatto una buona impressione ai 4CC, ma sono ben lontani da Tedeschi e Russi.
    Stefania e Ondrej dovranno faticare, dato anche che la nostra seconda coppia si è divisa.

    In campo maschile, che dire? Hanyu è stato davvero una rivelazione che ha sorpreso e incantato un po' tutti. Spero che la collaborazione con Orser lo renda ancora più solido e competitivo.
    Takahashi è sempre Takahashi, mi piace molto il suo modo di pattinare.
    Per quanto riguarda Abbott e una mina vagante. Per quanto mi piaccia il suo SP, non sai mai cosa aspettarti quando scende in pista (problema generale degli atleti US di singolo a quanto pare...).
    Adam... Adam mi è molto simpatico. Non ho il cuore di fare commenti che vorrei fare.
    Come ben osservi tu, in casa Russia festeggiano il rientro dello Zar, perché l'avvento di un erede che sia all'altezza è ancora lontano. Gachinski deve crescere e essere più costante, ma tutto sommato non è male. Voronov per fortuna ha tolto il programma sul pallone (o era su un calciatore?) e il nuovo programma è immensamente migliore. Anche lui non mi dispiace, ma è ben lontano dal poter reclamare il podio... Ho visto Zhan Bush per la prima volta durante i nazionali 2011 e mi è piaciuto molto. Vedremo come evolve.
    Su Chan cosa potrei dire? E' un bravo atleta... ma non mi piace. Come dicevo prima, senza nulla togliere a Chan, è semplicemente una questione di gusti.
    Joubert è tornato! Non avrà raggiunto il podio a Nizza, ma è tornato il Brian di un tempo e non la sua ombra che abbiamo visto a Sheffield.
    Amodio l'ho rivalutato di recente... e sono molto felice di averlo fatto!
    Breziana e Verner mi piacciono molto, come atleti e come persone, perciò mi si spezza il cuore ogni volta che fanno quell'errore stupido che gli rovina inevitabilmente la prestazione.
    A Samuel cosa posso dire? Resisti! Anche lui ogni tanto si perde, ed è un vero peccato perché non è solo un grande pattinatore ma anche un bravo attore del ghiaccio.

    Per terminare con le donne, il Giappone è evidentemente in crisi.
    Non che gli US se la passino meglio. La bravissima Czisny ha risentito dello stress probabilmente. Speriamo si riprenda.
    Sulla Russia non posso che darti pienamente ragione e ribadire: aiuto! Le pattinatrici senior dovrebbero cominciare a preoccuparsi seriamente.
    Partendo dalle Canadesi, che, come osservi bene tu, non hanno un vivaio da cui pescare per sostituire eventualmente Cynthia Phaneuf e Amelie Lacoste.
    Tornando in Europa: Kiira Korpi è bellissima e bravissima, speriamo che i problemi alla gamba siano superati per la prossima stagione, Elene Gedevanishvili non mi dispiace e Valentina Marchei è la mia campionessa Italiana preferita (con tutto il rispetto per la bravissima Carolina, nostro orgoglio mondiale),

    RispondiElimina
  2. Carissima Laura, innanzitutto grazie per il tuo competente ed esaustivo commento: mi piace moltissimo leggere i vari pareri (concordanti o meno) e confrontarli con i miei!
    Per quanto riguarda Davis/White e Virtue/Moir, sfondi una porta aperta!!! Tra i miei (pochi) amici appassionati di pattinaggio la preferenza è equamente divisa, e credo sarà così per sempre. Entrambe le coppie sono infatti incontestabili in quanto a talento, ma smuovono gusti personali molto differenti tra loro: io di Davis/White, per dirne una, non apprezzo il fatto che alcune volte cerchino un po' troppo lo spettacolo o l'altissima velocità per mascherare possibili incertezze (ad esempio nei twizzle io valuto maggiormente quelli di Anna e Luca, pattinati a medio-alta velocità ma più ritmati e difficili, rispetto a quelli straveloci di Meryl e Charlie che rasentano una specie di trottola), mentre Virtue e Moir mi piacciono per la loro solidità e la freschezza delle loro interpretazioni.
    Volevo poi chiederti una precisazione: sai che non ho proprio capito cosa intendevi dire di Rippon??? Davvero, non l'ho capito... :-)))
    Infine, sono davvero felice che anche tu la pensi come me su Chan. Forse esagero, ma credo sia uno dei pattinatori più sopravvalutati degli ultimi tre o quattro anni (con questo non voglio assolutamente negare il suo indiscutibile talento).
    Grazie ancora, Laura, e a presto!

    RispondiElimina
  3. Grazie a te. Scambiare pareri con gli appassionati è il motivo principale per cui ho aperto il blog.

    Sai che il fatto dei twizzle lo avevo notato anche io? :p Però alla fine è proprio questione di gusti, davanti a due coppie così straordinarie.

    Per quanto riguarda Rippon intendevo che ultimamente ha avuto un rendimento molto altalenante, senza contare il 13° posto agli scorsi mondiali. Ma mi sta molto simpatico e mi fa anche un po' di tenerezza, quindi non riesco a essere troppo cattiva con lui... :p

    Credo che "sopravvalutato" sia l'aggettivo giusto per Chan. Bravo, ma sopravvalutato. Poi alla fine, come dicevamo prima, è questione di gusti. Molti definiscono Joubert e Van Der Perren poco eleganti: è vero, ma a me piacciono comunque. Chan sarà bravo (che poi,anche lì, si dovrebbe aprire un capitolo a parte sui punteggi...), però non mi piace il suo modo di pattinare. Diciamo che non mi fa emozionare un granché.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  4. Eh sì, van der Perren è quasi sempre stato parecchio sottovalutato, anche se a discolpa dei giudici c'è da riconoscere che dal lato strettamente artistico sembra un palo di mogano... ;-)))
    Però anche io l'ho sempre supportato, e quella combinazione triplo-triplo-triplo era da urlo...

    RispondiElimina
  5. Ma posso far notare che il mogano è tra i legni più apprezzati in ebanisteria? :p
    Ovviamente scherzo, sono perfettamente d'accordo che dal lato artistico sia carente, ma come dici tu la combinazione triplo-triplo-triplo era veramente da urlo!

    RispondiElimina
  6. Ebbe si eccomi a discutere con voi. Anche io come la mia sorella di blog Laura non amo molto fare pronostici di nessuna natura. Tanto meno nel pattinaggio ma adoro discutere di questo argomento.
    Per quanto riguarda la danza devo dire che non ho una specifica preferenza fra Virtue/Moir o Davis/White ..... di anno in anno e di programma in programma posso preferire una coppia o l'altra. Sono bravissimi entrambi quest'anno mi è piaciuto moltissimo il Pipistrello di Davis White - la musica meravigliosa ed ogni movimento a tempo perfetto con la musica stessa.
    I francesi Péchalat/Bourzat non si possono non apprezzare per la loro originalità e la loro capacità tecnica.
    Quest'anno mi sono piaciuti moltissimo anche i canadesi Kaitlyn Weaver / Andrew Poje come ad entrambi voi ... sono una coppia valida non soltanto tecnicamente ma anche e soprattutto artisticamente - che penso sia la parte più difficile. O hai questo dono o non ce lo hai. Spero che l'anno prossimo riescano ad ottenere una buona posizione
    Luca ed Anna sono arrivati ad un punto di non ritorno - hanno raggiunto una maturità tecnica ed interpretativa per cui è solo ora che raggiungano il podio - viste le loro capacità si meriterebbero anche il primo posto ....
    Come ho già detto nell'altro commento io adoro Stefania Berton e Ondrej Otarek. Sono una coppia bellissima ed anche molto simpatica ..... spero davvero che l'anno prossimo possano portare in alto i colori italiani.
    In campo maschile che dire di Hanyu - una grande rivelazione - lui si che è un pattinatore che ha un grande futuro davanti e che riesce ad emozionare il pubblico. Lo ho amato subito appeno lo ho visto e mi ha ricordato per un certo suo modo di pattinare e per alcuni tipi di trottole particolari Stéphane Lambiel quando era molto giovane ........ Spero che riesca a rimanere dove era quest'anno .... o addirittura ad arrivare secondo .... con la collaborazione di Orser. Non potrà che fargli del bene
    Per quanto riguarda Chan ...... (oltre ad avere valutazioni che lo sopravvalutano sempre) io ritengo che sia un pattinatore molto valido dal punto di vista tecnico ma che non ha il dono artistico - non pattina con il cuore (almeno io la penso così) e non riesce a trasmettere al pubblico quelle emozioni che fanno sì che un bravo pattinatore diventi un Grande pattinatore.
    Al contrario Takahashi mi piace molto - e trovo che debbano finire di sottovalutare i suoi bellissimi programmi.
    Abbot ha un pattinaggio molto fluido e bello ed ha il dono artistico e dell'interpretazione ma a quanto pare come ha detto giustamente Laura - è una mina vagante - nel senso che il suo rendimento non è costante come dovrebbe. Rippon mi piace molto come pattinatore ma non ha possibilità di arrivare alle primissime posizioni mi pare.
    In Casa Russia non possono che festeggiare il ritorno dello Zar, dopo di lui il diluvio .....
    Gachinski, che aveva meritato il titolo di suo erede - è tecnicamente molto bravo - artisticamente deve maturare un poco ma soprattutto deve avere un rendimento più costante
    Voronov se non sbaglia non è male ma nemmeno niente di eccezionale e non ci sono giovani pattinatori bravi che possano sostituire Plushy. Insomma la Russia è piana di giovani pattinatrici ma stranamente non altrettanto di uomini che vogliano dedicare la loro vita al pattinaggio!
    Dall'anno prossimo il settore femminile correrà il rischio di vedere ai primi tre posti tre giovanissime russe - sempre se Carolina dovesse decidere di ritirarsi. Anche se lei rimanesse fino a Sochi sarebbe guerra aperta ad alti livelli ..... Speriamo che Valentina Marchei che mi piace molto possa salire un po in classifica - tecnicamente ed artisticamente sarebbe pronta ma anche lei per me viene sempre un po sottovalutata dai giudici. Buona domenica pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verner e Brezina piacciono molto anche a me - ma entrambi come Gachinski hanno un rendimento molto salterino - e sul più bello piazzano un errore o due nel programma lungo - cosa che mi spiace sempre davvero tanto. Van Der Perren e Joubert poco eleganti? Van Der Perren mi piace come pattinatore anche se non è mai riuscito a raggiungere risultati particolarmente importanti. é un buon saltatore ma dal lato artistico non è il massimo. Joubert invece, che non è fra i miei pattinatori preferiti - non posso certo dire che sia poco elegante - ha un suo fascino e finalmente pare sia risorto durante gli ultimi mondiali di Nizza. Se continua così l'anno prossimo ed a Sochi ci sarà una Guerra aperta in campo maschile sperando che riesca a mettersi in lizza anche Contesti che sarebbe un fior di pattinatore se riuscisse ad avere un rendimento più costante anche lui - si è disfatto quest'anno del programma lungo del direttore d'Orchestra che mi piaceva molto ma che lui non riusciva mai ad eseguire senza due o tre errori ... sigh
      L'america ultimamente stà avendo un pò di problemi praticamente in ogni categoria .... esclusa la danza su ghiaccio ...... vedremo cosa ci riserva il futuro

      Elimina
    2. Sì in effetti è un peccato per il programma del direttore d'orchestra, era carino. E piaceva molto anche al pubblico. Però d'altra parte proprio non riusciva a farlo pulito.
      Ho visto Contesti dal vivo ai suoi primi assoluti italiani con il programma del cowboy e vi assicuro che ha conquistato il pubblico con un programma divertente e pulito: gli è stato chiesto il addirittura il tris.
      Speriamo queste possano tornare ad essere le parole chiave per la prossima stagione...

      Elimina
  7. Passa al Rifugio quando hai tempo - c'è un Premio per il tuo Blog
    http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/2012/05/premio-almohada.html

    RispondiElimina
  8. Grazie mille anche ad Arwen per il suo dettagliatissimo commento, che mi porta a dire una cosa: ma Chan, se ci troviamo d'accordo sul non considerarlo un vero fuoriclasse, come ha fatto a convincere le giurie??? Mistero...
    Su Contesti sono d'accordissimo con entrambe per quanto riguarda il programma del cowboy: spettacolare!!! E non dimentichiamoci che grazie a quel libero era arrivato all'argento in Europa e quinto ai Mondiali!!!
    Arwen, grazie per il premio!!!!!!!!!!!!!! Appena ho un attimo (sono giorni frenetici al lavoro) ti rispondo adeguatamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso che noi siamo le uniche persone a pensare questo di Chan. Purtroppo penso che a favore di Chan ci siano skatings skil molto alti (in quanto tecnicamente è davvero bravo e i vari elementi sono eseguiti - (quando non sbaglia un atterraggio di un salto e non sporca un elemento) in maniera quasi perfetta. Ma io continuo a dire che non basta la qualità e l'abilità tecnica per fare un grande campione - almeno non per mè - evidentemente per la giuria invece basta ;-) he he he Mistero profondo

      Elimina
    2. Ricordo bene quell'anno, Contesti ha dimostrato che può farcela. Inoltre è molto carismatico. Ma deve riuscire a tenere il programma pulito.

      So che Arwen ha già visto questa foto, perché l'ho postata sul blog durante i 4CC (in cui a Chan non è stata assegnata alcuna detrazione per quella che secondo me era da considerarsi una caduta), ma credo che riassuma bene il problema in questione :p

      https://p.twimg.com/AlShg04CMAAah_x.jpg

      Elimina
  9. Non mi stuzzicate... Dopo aver visto quella emblematica foto vorrei tanto buttarla sulle questioni politiche, ma è meglio che taccia, altrimenti divento cattivo... Come per Laura Lepisto, che per me rappresenta il più grosso danno mai perpetrato all'arte del pattinaggio in quanto tale, ma è meglio che stia zitto, again...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah capisco lo stato d'animo ;)

      Elimina
  10. Si devo dire che la tua foto Laura è quanto mai veritiera - ed anche un pò da favola -
    Ti capisco Vittorio. . . . ;-)

    RispondiElimina